Colli Euganei Cosa Vedere? - HoyHistoriaGT Hoy en la Historia de Guatemala

Colli Euganei Cosa Vedere?

Colli Euganei Cosa Vedere
Vragen en antwoorden Een vraag stellen V: (Vertaald door Google) Wanneer speelden de eugenetische heuvels een belangrijke rol in de geschiedenis? (Origineel) Wann spielten die eugenischen hügel in der Geschichte eine bedeutende Rolle (Geen antwoorden) Alle vragen bekijken (12)

Cosa vedere di bello sui Colli Euganei?

Tra le cose da vedere sui Colli Euganei, all’interno del parco regionale, ci sono splendidi borghi quali medievali quali Arquà Petrarca, Monselice, Este e poco oltre Montagnana. Il Castello del Catajo, Villa dei Vescovi e Villa Barbarigo con il suo giardino storico sono le più famose ville dei Colli Euganei.

Perché si chiamano Colli Euganei?

Toponimo – Il toponimo “colli Euganei” è stato coniato in tempi abbastanza tardi (tra il Due e il Cinquecento ) prendendo spunto dall’aggettivo latino Euganeus che, se in origine rimandava agli Euganei, antichissima popolazione che occupava la zona prima dell’arrivo dei Veneti, in seguito fu impiegato come termine dotto con il significato di “padovano”,

Quali sono i prodotti tipici dei Colli Euganei?

Piccoli Frutti More, lamponi, melograni, corbezzoli, nocciole, nespole e mandorle sono alcune delle più apprezzate delizie della collina.

Cosa mangiare ai Colli Euganei?

Da provare il prosciutto d’oca e quello di Montagnana, ma anche gli asparagi di Padova e i piselli di Baone. Da non perdere nemmeno i risotti, le zuppe, la pasta fatta in casa (soprattutto i bigoi) e ovviamente la polenta, abbinata con le carni in umido.

Quali sono i paesi dei Colli Euganei?

Parco regionale dei Colli Euganei – Per preservare la ricchezza ambientale del territorio dei Colli Euganei è stato istituito nel 1989 un parco regionale. La superficie complessiva supera i 18.000 ettari. La cima più alta è il Monte Venda, una collina di 601 metri di altezza, ma la maggior parte dei rilievi non supera i 300 metri.

  • Sono 15 i comuni che rientrano nel territorio del Parco Regionale dei Colli Euganei, e precisamente: Abano Terme, Arquà Petrarca, Baone, Battaglia Terme, Cervarese Santa Croce, Cinto Euganeo, Este, Galzignano Terme, Lozzo Atestino, Monselice, Montegrotto Terme, Rovolon, Teolo, Torreglia e Vo’.
  • Il modo migliore per apprezzare le bellezze paesaggistiche del Parco dei Colli Euganei è esplorarlo a piedi o in bicicletta sfruttando un’ampia rete di sentieri di vario livello.

Gli escursionisti allenati possono cimentarsi nell’ Alta Via dei Colli Euganei, un suggestivo percorso ad anello di 41 km con inizio e fine a Teolo. Non temete se pensate di non farcela: sono 31 i sentieri realizzati dall’ente parco a cui si aggiungono altri percorsi non segnalati per un totale di più di 200 itinerari.

  • Tra questi non sono pochi quelli adatti a tutti, comprese famiglie con bambini.
  • Se preferite percorrere un intero giro dei colli in bici l’itinerario per voi è l’ Anello ciclabile dei Colli Euganei,
  • È un itinerario cicloturistico lungo circa 70 km; non presenta particolari difficoltà (il terreno è quasi completamente pianeggiante) e si può quindi percorrere in una giornata, prendendosela con calma.

L’itinerario attraversa alcuni centri abitati dove è possibile rifornirsi di cibo e acqua. Un altro sport molto praticato nei Colli Euganei è l’arrampicata: le pareti verticali di Rocca Pendice sono un’ottima palestra per appassionati scalatori.

Perché Foscolo va sui Colli Euganei?

L’autunno dei Colli Euganei nelle Ultime Lettere di Jacopo Ortis di Ugo Foscolo – L’autunno dei Colli Euganei nelle Ultime Lettere di Jacopo Ortis di Ugo Foscolo: Vi proponiamo degli estratti tratti dal romanzo “Le ultime lettere di Jacopo Ortis” dove il protagonista ci descrive con stupore e meraviglia il paesaggio dei Colli Euganei nel periodo autunnale,1 novembre ” Che bell’autunno ! addio Plutarco! sta sempre chiuso sotto il mio braccio.

Sono tre giorni ch’io perdo la mattina a colmare un canestro d’uva e di pesche, ch’io copro di foglie, avviandomi poi lungo il fiumicello, e giunto alla villa, desto una famiglia cantando la canzonetta della vendemmia.” 12 novembre “Jeri giorno di festa abbiamo con solennità trapiantato i pini delle vicine collinette sul monte rimpetto la chiesa.

Mio padre pure tentava di fecondare quello sterile monticello; ma i cipressi ch’esso vi pose non hanno mai potuto allignare, e i pini sono ancor giovinetti. Assistito io da parecchi lavoratori ho coronato la vetta, onde casca l’acqua, di cinque pioppi, ombreggiando la costa orientale di un folto boschetto che sarà il primo salutato dal Sole quando splendidamente comparirà dalle Cime de’ monti,

E jeri appunto il Sole più sereno del solito riscaldava l’aria irrigidita dalla nebbia del morente autunno. Le villanelle vennero sul mezzodì co’ loro grembiuli di festa intrecciando i giuochi e le danze di canzonette e di brindisi. Tale di esse era la sposa novella, tale la figliuola, e tal altra la innamorata di alcuno de’ lavoratori; e tu sai che i nostri contadini sogliono, allorché si trapianta, convertire la fatica in piacere, credendo per antica tradizione de’ loro avi e bisavi che senza il giolito de’ bicchieri gli alberi non possano mettere salda radice nella terra straniera.” 20 novembre “Sei o sette giorni addietro s’ è ito in pellegrinaggio.

Io ho veduto la natura più bella che mai, Teresa, suo padre, Odoardo, la piccola Isabellina ed io siamo andati a visitare la casa del Petrarca in Arquà, Arquà è discosto, come tu sai, quattro miglia dalla mia casa ; ma per più accorciare il cammino prendemmo la via dell’ erta.

  • Le nuvole dorate e dipinte a mille colori salivano su la volta del cielo che tutto sereno mostrava quasi di schiudersi per diffondere sovra i mortali le cure della divinità.
  • Io salutava a ogni passo la famiglia de’ fiori e dell’ erbe che a poco a poco alzavano il capo chinato dalla brina.
  • Gli alberi susurrando soavemente, faceano tremolare contro la luce le gocce trasparenti della rugiada; mentre i venti dell’aurora rasciugavano il soverchio umore alle piante.
  • Avresti udito una solenne armonia spandersi confusamente fra le selve, gli augelli, gli armenti, i fiumi e le fatiche degli uomini; e intanto spirava l’ aria profumata delle esalazioni che la terra esultante di piacere mandava dalle valli e da’monti al sole, ministro maggiore della natura.”
  • Tratto da “Le ultime lettere di Jacopo Ortis”
  • “Le ultime lettere di Jacopo Ortis” è considerato il primo romanzo epistolare della letteratura Italiana, scritto da Ugo Foscolo tra il 1802 e il 1803,
  • Breve Trama
You might be interested:  Simvastatina A Cosa Serve?

Jacopo Ortis è uno studente universitario padovano che decide di ritirarsi nei Colli Euganei in seguito al Trattato di Campoformio (1797), trattato in cui Napoleone cede Venezia all’Austria. Ortis si sente tradito dagli ideali di patria e si rifugia nei Colli Euganei in solitudine, triste e inconsolabile per la situazione della sua patria ormai schiava degli austriaci.

  • Passa le sue giornate scrivendo al suo amico, Lorenzo Alderoni, passeggiando per i Colli Eugane i e visitando la casa del Petrarca.
  • Qui incontra e s’innamora di Teresa, promessa sposa al ricco Odoardo.
  • Jacopo si reca di nuovo a Padova per studiare e, dopo aver scritto una lettera d’addio a Teresa, si reca a Ferrara, Bologna, Firenze e Milano,

Quando Jacopo viene a sapere che Teresa si è sposata, per lui la vita perde di significato. Ritorna nei Colli Euganei, saluta Teresa e poi la madre a Venezia, Jacopo Ortis si uccide con una pugnalata al cuore, tradito dai suoi ideali di patria e di amore.

  1. “Le ultime lettere di Jacopo Ortis” ci regala descrizioni dettagliate e suggestive del territorio euganeo e della meraviglia che provava Foscolo, attraverso il personaggio di Jacopo Ortis, durante le sue passeggiate nei Colli Euganei.
  2. Leggendo il romanzo riscopriamo la rara bellezza dei colli ondulati, dei colori d’autunno e del riflesso del sole sulle nubi che ci regala, ancora oggi, atmosfere uniche e indimenticabili.
  3. Chiara Fasolo

: autunno-ultime-lettere jacopo-ortis-e-ugo-foscolo – colli euganei

Dove vedere il tramonto sui Colli Euganei?

1) Colli Euganei (PD) – Pianoro del Mottolone – Colli Euganei Cosa Vedere Ci troviamo a Padova ed esattamente in zona Arquà Petrarca, nei Colli Euganei. Si tratta di una terrazza panoramica dove ammirare nel suo splendore i Colli Euganei meridionali : il Monte Cero, il Monte Castello, il Venda, il Monte Rusta, il Gemola e il Monte Rua.

Cosa significa Euganei?

euganeo eugàneo agg., – Propr., appartenente o relativo all’antica popolazione degli Euganei, stanziata fra le Alpi orientali e l’Adriatico; oggi l’agg. si conserva soprattutto in denominazioni geografiche: Colli Euganei, gruppo collinoso vulcanico in prov. di Padova; e Venezia Euganea, il Veneto (in quanto si distingue dalla Venezia Giulia e dalla Venezia Tridentina).

Quando si sono spenti i Colli Euganei?

Magma, Lapilli e Ceneri All’inizio era il Mare – Per comprendere l’evoluzione geologica dei Colli Euganei si deve risalire indietro nel tempo di circa 135 milioni di anni, l’età cioè delle rocce più antiche affioranti nella zona euganea, A quel tempo la geografia della Terra, che fin dall’origine del pianeta ha subito profondi mutamenti, era ben diversa dall’attuale.

  1. I continenti erano raggruppati in due grandi blocchi, divisi da uno stretto braccio di mare, residuo di un antico, immenso oceano chiamato Mare della Tetide e dove attualmente c’è l’Italia a quel tempo c’era un grande golfo.
  2. Quindi all’inizio era il mare,
  3. Sul fondo di questo antico mare, indisturbato per circa 100 milioni di anni, si è depositata una potente serie di sedimenti che a poco a poco si accumulano sul fondo.

Questi sedimenti, in seguito alla compattazione dovuta al carico crescente e a processi chimici, si sono trasformati nelle rocce calcaree che attualmente si riscontrano negli Euganei, Sono queste le rocce che in un passato recente sono state oggetto di intensa escavazione per alimentare i grandi cementifici di e ; il loro spessore si aggira sui 450 – 500 metri. A questa seconda fase è attribuibile la formazione dei caratteristici corpi eruttivi che conferiscono al paesaggio euganeo quell’aspetto unico e suggestivo. Infatti il magma, ristagnando presso la spaccatura di emissione ha dato forma a quelli che oggi noi conosciamo come il Monte Venda e il Monte Vendevolo, Colli Euganei Cosa Vedere Altre grandi masse magmatiche, con meccanismi diversi, hanno dato forma ed origine al complesso Monte Grande – Monte Madonna, Monte Altore, Monte Ricco, Ma queste non sono le uniche strutture vulcaniche presenti negli Euganei. Si possono riscontare corpi vulcanici originati da magma che si è intruso in spaccature di rocce preesistenti; uno spettacolare esempio di tale struttura è dato dal filone trachitico di Rocca Pendice, Colli Euganei Cosa Vedere urandole e quindi sollevandole dalla loro giacitura originale a quote molto più elevate. Le eruzioni iniziarono in ambiente sottomarino, ma è da ritenere che si siano concluse con l’emersione, almeno dei rilievi maggiori, I Colli pertanto hanno visto inizialmente la luce come un minuscolo arcipelago di isolotti vulcanici e tali sono rimasti fino a circa 2 milioni di anni fa, quando il mare gradualmente si è ritirato dalla zona euganea, per far posto alla Pianura Padana, che si stava formando in seguito a grandiosi fenomeni alluvionali. Colli Euganei Cosa Vedere Il paesaggio euganeo, così singolare e inconfondibile, è quindi caratterizzato dalle forme coniche e piramidali molto ardite dei corpi vulcanici, che si ergono dalla morfologia morbida e tondeggiante degli altopiani calcarei. : Origine dei Colli Euganei – Colli Euganei

Dove guardare le stelle sui Colli Euganei?

Tra i comuni facenti parte dei Colli Euganei, uno dei più importanti è Abano Terme, dove si trova Villa dei Vescovi, dove vengono organizzate cene a lume di candela dalla Caffetteria Bistrot, con degustazione di vini locali, e una vera e propria osservazione delle stelle!

You might be interested:  Cosa È Successo Ad Amici A Capodanno?

Qual è il monte più alto dei Colli Euganei?

Il pianoro del Mottolone. Il più popolare dei punti panoramici dei Colli Euganei – Da qualche tempo a questa parte, grazie ad Instagram, è diventato il più popolare dei punti panoramici dei Colli Euganei. Sono in molti infatti tra i cultori del celebre social network ad avere nella propria galleria almeno una foto del pianoro del Mottolone e devo dire, a ben ragione, visto che il posto lo merita eccome.

Mottolone” è quasi un vezzeggiativi di “motta”, rialzo del terrenoil Pianoro è infatti una sorta di “panettone”, un’altura dalla sommità pianeggiante. Si trova nelle vicinanze di Arquà Petrarca, a pochi km dalla parte alta del borgo ma si può raggiungere in più modi. Suggerisco il percorso a piedi partendo dalla Casa del Petrarca, oppure percorrendo il sentiero del Monte Fasolo 12, uno dei sentieri dei Colli Euganei.

Il Pianoro del Mottolone è davvero un bel posto, un incantevole terrazza naturale che mostra un bellissimo panorama dei Colli Euganei meridionali. Guardando verso sud, da sinistra a destra si possono vedere i Monte Castello e il Monte Cero (quello con le antenne) collegati da una piccola sella su cui sorge l’abitato di Calaone: noterete la chiesta con lo slanciato campanile.

  • Poi il monte Gemola, riconoscibile da Villa Beatrice d’Este, antico monastero benedettino femminile, sulla sua sommità, ed il Monte Rusta con la sua fitta vegetazione boschiva.
  • Alle vostre spalle il Monte Venda (603 m), il più alto dei Colli Euganei, con il Monte Vendevolo sulla sinistra ed il monte Rua sulla destra che da il nome al monastero camaldolese che sorge sui suoi pendii.

La piacevole passeggiata delimitata da staccionate in legno invita a percorrere il sentiero ed ammirare il paesaggio circostante, aspro e selvaggio con dei prati, detti “vegri” caratterizzati da cespugli e piccoli arbusti tipici della macchia mediterranea come ginestra, corbezzolo e rosa canina.

Cosa comprare di Tipico a Padova?

Solo a Padova – Non perdete il mercato che si svolge quotidianamente in Piazza delle Erbe, della Frutta e dei Signori e nelle arcate di Palazzo della Ragione, luoghi identitari della città che vivono delle loro tradizioni. Padova è una città di antica tradizione enogastronomica.

  • I prodotti tipici del territorio sono tantissimi, dai salumi come la sopressa, il famoso insaccato di carne di maiale veneto, alla raffinata farina di polenta, senza dimenticare la lista dei vini, quelli dei Colli Euganei sono tra i più ricercati.
  • Oltre alla buona tavola, Padova è una città dell’artigianato.

La creatività sposa la tradizione e l’innovazione con articoli di ogni genere. Il centro patavino si distingue per le sue produzioni di nicchia ma non manca di offrire ogni genere di prodotto. Colli Euganei Cosa Vedere

Quanti sono i Colli Euganei?

I Colli Euganei, dolci rilievi di origine vulcanica, sorgono al centro della Pianura Veneta. La fauna e la vegetazione hanno qui trovato un luogo ideale per mantenersi intatte nei millenni, e anche l’uomo vi stabilì i suoi insediamenti fin dalla preistoria ; nel corso dei secoli questo intreccio tra uomo e natura ha determinato il sorgere di un paesaggio particolare e bellissimo, che si pensato di proteggere con l’istituzione, nel 1989, del Parco Regionale dei Colli Euganei.

/td>

Come nacquero i Colli Euganei I Colli Euganei sono costituiti da 81 rilievi assai diversi tra loro per forma e altezza, occupano un’area di circa 20.000 ettari e raggiungono la massima elevazione nel Monte Venda (603 metri), I colli si formarono circa 30-40 milioni di anni fa, come risultato di eruzioni vulcaniche sottomarine. Ogni colle nacque in seguito ad un unico evento eruttivo : la lava molto viscosa si infiltrava lungo le fratture inarcando gli strati sovrastanti di rocce sedimentarie, e solo in alcuni punti fuoriusciva. L’ erosione naturale nel corso di milioni di anni ha poi lasciato allo scoperto gli strati rocciosi più interni. Il gran numero di fenomeni vulcanici, assieme alla grande varietà di rocce, fanno dei Colli Euganei un complesso geologico quasi unico nel suo genere.

/td>

La flora e la fauna La flora dei Colli Euganei è caratterizzata dalla presenza di un numero sorprendente di specie vegetali. L’accidentata e singolare morfologia dei rilievi, responsabile di microclimi contrastanti, assieme all’isolamento da altri gruppi montuosi sono i principali artefici di tanta varietà floristica che le alterne vicende climatiche legate ai cicli glaciali e interglaciali hanno ulteriormente accentuato. In effetti gli Euganei, rappresentano un’isola naturalistica complessa dove vivono a stretto contatto vegetazioni d’ambiente caldo arido e vegetazioni a carattere montano o submontano, Anche per la fauna, i Colli Euganei costituiscono un ambiente particolarmente ricco e numerose sono le specie di animali presenti. Oltre che per alcune specie endemiche, i Colli sono divenuti l’ultimo luogo sicuro e habitat ideale per molti animali oramai scomparsi dalla vicina pianura.

/td>

La presenza dell’uomo Il territorio dei Colli Euganei risulta abitato fin dal Paleolitico Medio; successivamente, nel Neolitico intorno al V millennio a.C,, sorsero i primi insediamenti umani stabili. Numerose sono le testimonianze relative a questo periodo, durante il quale si sviluppò la civiltà degli Euganei che ebbe in Padova e Este i principali centri. Intorno al VII sec, vi si stabilirono i Veneti, mentre la civiltà romana arrivò intorno al II sec.a.C. Nel Medioevo la zona rappresentò un rifugio sicuro e un luogo strategico: sorsero così conventi e castelli un po’ ovunque. Dal XV secolo la zona dei Colli entrò a far parte della Repubblica di Venezia, e i patrizi veneziani che apprezzavano la bellezza e tranquillità di questi luoghi, vi costruirono ville stupende ora aperte al pubblico.

/td>

/td>

/td>

Dove vedere il tramonto sui Colli Euganei?

1) Colli Euganei (PD) – Pianoro del Mottolone – Colli Euganei Cosa Vedere Ci troviamo a Padova ed esattamente in zona Arquà Petrarca, nei Colli Euganei. Si tratta di una terrazza panoramica dove ammirare nel suo splendore i Colli Euganei meridionali : il Monte Cero, il Monte Castello, il Venda, il Monte Rusta, il Gemola e il Monte Rua.

Per cosa è famosa Monselice?

La Rocca e il Mastio Federiciano – L’ attrazione top di Monselice è la Rocca, ovvero la collinetta che sorge a ridosso centro storico. In cima a questo basso rilievo sorge il Mastio Federiciano, una torre con funzione difensiva fatta costruire per conto di Federico II di Svevia da Ezzelino da Romano.

  1. Una parte è ben conservata, un’altra invece è andata distrutta.
  2. Ciò che resta è però sufficiente per farci comprendere che un tempo questa era una costruzione imponente e rappresentava una fortezza inespugnabile.
  3. È possibile, e consigliato, visitare il Mastio Federiciano.
  4. Le sale interne ospitano una collezione di reperti archeologici rinvenuti in zona, ma se questo non dovesse interessarvi val la pena pagare il biglietto d’ingresso per salire in cima alla terrazza panoramica,

Da qui potrete godere di una bella vista sui Colli Euganei; nelle giornate più limpide è possibile scorgere in lontananza la città di Venezia. In alcune guide turistiche il nome Rocca viene usato per indicare il Mastio Federiciano o gli altri edifici che costituiscono il complesso del Castello di Monselice.

Perché Foscolo va sui Colli Euganei?

L’autunno dei Colli Euganei nelle Ultime Lettere di Jacopo Ortis di Ugo Foscolo – L’autunno dei Colli Euganei nelle Ultime Lettere di Jacopo Ortis di Ugo Foscolo: Vi proponiamo degli estratti tratti dal romanzo “Le ultime lettere di Jacopo Ortis” dove il protagonista ci descrive con stupore e meraviglia il paesaggio dei Colli Euganei nel periodo autunnale,1 novembre ” Che bell’autunno ! addio Plutarco! sta sempre chiuso sotto il mio braccio.

Sono tre giorni ch’io perdo la mattina a colmare un canestro d’uva e di pesche, ch’io copro di foglie, avviandomi poi lungo il fiumicello, e giunto alla villa, desto una famiglia cantando la canzonetta della vendemmia.” 12 novembre “Jeri giorno di festa abbiamo con solennità trapiantato i pini delle vicine collinette sul monte rimpetto la chiesa.

Mio padre pure tentava di fecondare quello sterile monticello; ma i cipressi ch’esso vi pose non hanno mai potuto allignare, e i pini sono ancor giovinetti. Assistito io da parecchi lavoratori ho coronato la vetta, onde casca l’acqua, di cinque pioppi, ombreggiando la costa orientale di un folto boschetto che sarà il primo salutato dal Sole quando splendidamente comparirà dalle Cime de’ monti,

E jeri appunto il Sole più sereno del solito riscaldava l’aria irrigidita dalla nebbia del morente autunno. Le villanelle vennero sul mezzodì co’ loro grembiuli di festa intrecciando i giuochi e le danze di canzonette e di brindisi. Tale di esse era la sposa novella, tale la figliuola, e tal altra la innamorata di alcuno de’ lavoratori; e tu sai che i nostri contadini sogliono, allorché si trapianta, convertire la fatica in piacere, credendo per antica tradizione de’ loro avi e bisavi che senza il giolito de’ bicchieri gli alberi non possano mettere salda radice nella terra straniera.” 20 novembre “Sei o sette giorni addietro s’ è ito in pellegrinaggio.

Io ho veduto la natura più bella che mai, Teresa, suo padre, Odoardo, la piccola Isabellina ed io siamo andati a visitare la casa del Petrarca in Arquà, Arquà è discosto, come tu sai, quattro miglia dalla mia casa ; ma per più accorciare il cammino prendemmo la via dell’ erta.

  • Le nuvole dorate e dipinte a mille colori salivano su la volta del cielo che tutto sereno mostrava quasi di schiudersi per diffondere sovra i mortali le cure della divinità.
  • Io salutava a ogni passo la famiglia de’ fiori e dell’ erbe che a poco a poco alzavano il capo chinato dalla brina.
  • Gli alberi susurrando soavemente, faceano tremolare contro la luce le gocce trasparenti della rugiada; mentre i venti dell’aurora rasciugavano il soverchio umore alle piante.
  • Avresti udito una solenne armonia spandersi confusamente fra le selve, gli augelli, gli armenti, i fiumi e le fatiche degli uomini; e intanto spirava l’ aria profumata delle esalazioni che la terra esultante di piacere mandava dalle valli e da’monti al sole, ministro maggiore della natura.”
  • Tratto da “Le ultime lettere di Jacopo Ortis”
  • “Le ultime lettere di Jacopo Ortis” è considerato il primo romanzo epistolare della letteratura Italiana, scritto da Ugo Foscolo tra il 1802 e il 1803,
  • Breve Trama

Jacopo Ortis è uno studente universitario padovano che decide di ritirarsi nei Colli Euganei in seguito al Trattato di Campoformio (1797), trattato in cui Napoleone cede Venezia all’Austria. Ortis si sente tradito dagli ideali di patria e si rifugia nei Colli Euganei in solitudine, triste e inconsolabile per la situazione della sua patria ormai schiava degli austriaci.

Passa le sue giornate scrivendo al suo amico, Lorenzo Alderoni, passeggiando per i Colli Eugane i e visitando la casa del Petrarca. Qui incontra e s’innamora di Teresa, promessa sposa al ricco Odoardo. Jacopo si reca di nuovo a Padova per studiare e, dopo aver scritto una lettera d’addio a Teresa, si reca a Ferrara, Bologna, Firenze e Milano,

Quando Jacopo viene a sapere che Teresa si è sposata, per lui la vita perde di significato. Ritorna nei Colli Euganei, saluta Teresa e poi la madre a Venezia, Jacopo Ortis si uccide con una pugnalata al cuore, tradito dai suoi ideali di patria e di amore.

  1. “Le ultime lettere di Jacopo Ortis” ci regala descrizioni dettagliate e suggestive del territorio euganeo e della meraviglia che provava Foscolo, attraverso il personaggio di Jacopo Ortis, durante le sue passeggiate nei Colli Euganei.
  2. Leggendo il romanzo riscopriamo la rara bellezza dei colli ondulati, dei colori d’autunno e del riflesso del sole sulle nubi che ci regala, ancora oggi, atmosfere uniche e indimenticabili.
  3. Chiara Fasolo

: autunno-ultime-lettere jacopo-ortis-e-ugo-foscolo – colli euganei

Adblock
detector