Cosa Vedere A Budapest In 3 Giorni? - [] HoyHistoriaGT Hoy en la Historia de Guatemala

Cosa Vedere A Budapest In 3 Giorni?

Cosa Vedere A Budapest In 3 Giorni

Quanti giorni sono necessari per visitare Budapest?

3 giorni a Budapest – Consigliamo almeno 3 giorni pieni, con i quali potrete vedere le principali attrazioni turistiche e godervi anche i bagni e le attività culturali molto interessanti. Suona bene, non è vero? Potrete vedere le principali attrazioni della città, qui troverete la guida perfetta su cosa vedere a Budapest.

Quando è più economico andare a Budapest?

Inoltre ti converrà sapere che il mese più economico per volare a Budapest è novembre, in questo mese potrai spendere circa il 18,2% in meno del resto dell’anno.

Per cosa è famosa Budapest?

Colonnati titanici, guglie altissime e finestre ampie. Gli edifici storici sono una delle principali caratteristiche di questa città. Simbolo di Budapest è il Castello di Buda, conosciuto anche come Palazzo Reale, oggi patrimonio dell’Unesco.

Qual è la zona migliore per alloggiare a Budapest?

1 – Qual è la zona migliore in cui dormire a Budapest? – La zona migliore in cui dormire a Budapest per visitare la città è il Distretto V. Questo si sviluppa lungo la sponda del Danubio nel lato di Pest, dove si trova anche il maestoso edificio del Parlamento.

Cosa si fa la sera a Budapest?

Le zone della nightlife – Le strade di Budapest la sera si riempiono di giovani che si muovono da un locale all’altro. I luoghi che la notte si animano e si riempiono di vita sono senz’altro Piazza Liszt Ferenc e Raday Utca, La prima è piena di bar all’aperto, ristoranti e caffè dove si può bere o mangiare comodamente seduti fuori.

Si può provare per esempio la cucina orientale del ristorante Karma, con il suo arredamento arabo, oppure mangiare qualcosa al ristorante di lusso Menza Etterem. Raday utca nel frattempo stata recentemente nominata la Soho di Budapest, Questa zona del centro, vicino a Fovam Ter e al Danubio, è piena di caffè, bar all’aperto, ristoranti e wine bar dove è possibile degustare il tipico vino ungherese.

E’ un posto molto amato dai giovani, in quanto una zona molto semplice e informale. A questi due posti, di recente si è fatta notare anche la zona intorno alla Basilica di Santo Stefano ; qui sono infatti andati ad aumentare i pub, i ristoranti e i locali notturni.

Come pagare in euro in Ungheria?

Pagamenti – L’Ungheria anche se fa parte della Comunità Europea non ha aderito alla moneta comunitaria e di conseguenza ha mantenuto il fiorino ungherese (HUF), Il rapporto è 1 EURO = 353 HUF. Il bancomat e la carta di credito sono accettati ovunque così come gli Euro contanti,

Il problema è che ci fanno la cresta! Essendo abituati ai turisti europei, gli esercenti prima di emettervi lo scontrino, vi chiederanno come volete pagare. Se pagate in fiorini ungheresi vi applicano la tariffa “reale” se invece usate un pagamento elettronico oppure gli Euro vi verrà addebitato un costo aggiuntivo e, in alcuni casi, si parla anche del +20%! Non solo, se pagate in Euro tenete presente che non vi daranno il resto in Euro, ve lo daranno in fiorini ungheresi usando un tasso di cambio tutto loro! Se usate la carta di credito per i vostri pagamenti informatevi prima di partire a quanto ammontano le commissioni che vengono applicate dalla vostra banca sui pagamenti all’estero.

Nel mio caso, ad esempio, sui pagamenti bancomat non è stata applicata nessuna commissione mentre se avessi pagato con carta di credito mi sarei vista addebitare delle commissioni ad ogni pagamento. In sintesi il mio consiglio è quello di prelevare una certa somma di fiorini ungheresi in modo da pagare “il giusto”,

Cosa conviene comprare in Ungheria?

Cosa conviene comprare a Budapest Per fare degli acquisti convenienti andate a Budapest. La capitale dell’Ungheria è una delle città meno care d’Europa, elemento che va a valorizzare ulteriormente una destinazione imperdibile. Budapest è infatti ricca di monumenti e attrazioni, testimonianze più vive di un passato glorioso e ricco di storia.

  1. I visitatori apprezzeranno i souvenir dei mercati presenti in città, che consentono di portare con sé un pezzo di Ungheria dovunque si vada.
  2. Ecco quali sono le merci irrinunciabili e che conviene comprare durante una visita alla capitale magiara.
  3. I viaggiatori di Budapest non potranno farsi sfuggire la possibilità di visitare il grande Mercato centrale (in ungherese Nagycsarnok), la più grande e antica area di vendita coperta della città.

Qui si possono trovare alcuni dei souvenir più belli e caratteristici di tutta la città, soprattutto quelli artigianali. Splendide e accurate statue in legno, ceramiche e bambole in porcellana, tessuti e stoffe pregiate, giochi di vario tipo: nel Mercato centrale di Budapest c’è solo l’imbarazzo della scelta.

I prezzi variano a seconda del materiale e del prodotto ma, in generale, non sono particolarmente alti. Chi arriva nella città magiara e intende fare un po’ di shopping può anche optare per qualche specialità ungherese. Le bancarelle del Mercato centrale sono ricche di pietanze tipiche, come bottiglie di vino Tokaij o piatti ricchi di paprica, spezia onnipresente in Ungheria e utilizzata anche nel piatto nazionale, il gulash.

Non è proprio a buon mercato ma, se siete golosi, non potete perdervi la torta Dobos il dessert più celebre d’Ungheria. Andate in una pasticceria nel centro e lasciatevi andare ad un peccato di gola! Gli amanti delle antichità in visita a Budapest devono assolutamente andare al mercatino di Ecseri, situato in periferia.

Qui si trovano gli oggetti più disparati, a un prezzo che a volte è anche il 60% inferiore rispetto a quello iniziale. Si va dall’antiquariato di epoca imperiale fino a macchine da scrivere, senza dimenticare quadri, libri, strumenti musicali, apparecchi elettronici e tanto altro ancora. I collezionisti potranno alternativamente rivolgersi verso il Bhola Piac, meno noto e grande del precedente ma non meno interessante.

Qui si trovano soprattutto CD, giochi, vestiti e mobili a prezzi stracciati. : Cosa conviene comprare a Budapest

Quanto costa stare 4 giorni a Budapest?

Sono da poco tornata da un weekend lungo a Budapest e spesso, raccontando la mia esperienza, mi sono sentita chiedere “Quanto costa un viaggio a Budapest? È una meta economica?” Provo a rispondere a queste domande dandovi qualche consiglio su come risparmiare, senza rinunciare alle esperienze da non perdere quando si visita Budapest.

  • Budapest è una città abbastanza economica e secondo me si presta benissimo per una visita di quattro giorni.
  • Le principali voci di spesa della vostra vacanza saranno il volo, l’alloggio, il mangiare e le attrazioni.
  • Partiamo dal volo : Budapest è raggiungibile dai principali aeroporti italiani con alcune compagnie low cost come Ryanar, Wizzair ed Easyjet.
You might be interested:  Cosa Fare Ad Halloween?

Le tariffe sono davvero competitive, vi basterà solo avere un po’ di pazienza nella fase di ricerca voli e un po’ di flessibilità nelle date e riuscirete ad acquistare il biglietto aereo ad un ottimo prezzo. Noi abbiamo speso 40 euro a testa A/R con priority e 2 bagagli a mano (al momento ancora obbligatori, a meno che non viaggiate con una borsa davvero minuscola) prenotando a novembre per partire a fine gennaio. Una camera dell’Estilo Fashion Hotel. Foto dal sito Mellow Mood Hotel Una volta che conoscete le vostre date, potete iniziare a cercare il vostro alloggio : ognuno ha le sue preferenze (ostello, appartamento, hotel) e la scelta è davvero ampia. Per pochi giorni io preferisco pernottare in un albergo che offra anche la prima colazione e su Booking ho trovato davvero un’ottima offerta presso l’ Estilo Fashion Hotel,

  • Questo hotel si trova a due passi dal mercato coperto e vicino alla fermata del tram e della metro: è quindi in una posizione ideale per chi vuole spostarsi con i mezzi pubblici.
  • Noi abbiamo speso 193 euro per 3 notti (cioè circa 32 euro a testa a notte) con l’opzione cancellazione gratuita.
  • Io cerco sempre strutture con questa opzione per poter cercare offerte migliori in un secondo momento o anche in caso di imprevisti.

Nel nostro caso l’offerta si è rivelata davvero imbattabile, ma a Budapest esistono anche sistemazioni più economiche. Se raggiungete l’aeroporto in auto, potete usare il sito Parkos per comparare i prezzi dei parcheggi ed effettuare la prenotazione del posto. Una volta atterrati a Budapest vi troverete a fare i conti con il fiorino ungherese, la moneta in vigore in Ungheria: un modo semplice per fare le conversioni è tenere a mente questo schemino che non è preciso al 100% ma permette di fare i conti più in fretta 1 euro = 300 fiorini 3,50 euro = 1.000 fiorini 5 euro = 1.500 fiorini 10 euro = 3.000 fiorini Consiglio spassionato: nella maggior parte delle attrazioni turistiche e dei ristoranti vengono accettate le principali carte di credito o il pagamento in Euro.

Vi sconsiglio questa seconda opzione perchè vi verrebbe in ogni caso dato il resto in fiorini con un minimo di arrotondamento. Personalmente credo che valga comunque la pena cambiare ed avere un po’ di moneta locale per quei luoghi dove non è possibile pagare con carta di credito, come ad esempio alcuni stand del mercato coperto, nei ruin pub o se trovate bancarelle con cino di strada.

Non fate il mio errore prelevando contanti da un bancomat con carta di credito! Portate un po’ di Euro dall’Italia e cambiateli in uno dei tanti uffici di cambio presenti in centro città. Il valore di cambio che vi verrà applicato, incluse le commissioni, è nettamente più conveniente da quello offerto dagli sportelli automatici delle banche. Tornando a noi, una volta atterrati a Budapest, dovrete iniziare ad orizzontarvi con i mezzi pubblici locali. Se viaggiate in inverno o non amate troppo camminare, vi consiglio di acquistare un abbonamento per i mezzi da 48 o 72 ore (quest’ultimo costa 4.150 fiorini, circa 13 euro): noi lo abbiamo utilizzato moltissimo.

  • In questo biglietto non è inclusa il bus navetta 100E che arriva direttamente in centro (costa 900 fiorini a tratta, cioè 3 euro).
  • Noi abbiamo preferito l’abbonamento ai mezzi alla Budapest Card perchè non avevamo le idee chiare su cosa avremmo visitato e le attrazioni proposte non mi sembravano così imperdibili o convenienti.

Il modo migliore per muoversi a Budapest è il tram: alcune linee seguono le due rive del Danubio, mentre altre linee attraversano la città superando i vari ponti. Una volta che avete capito come orientarvi ed avete identificato un paio di punti di riferimento sarà facile muoversi.

  • In ogni caso per raggiungere Piazza degli Eroi ed il Parco Varoslieget dovrete prendere la metropolitana M1, la linea più antica di Budapest, con i muri coperti di maioliche e gli uffici dei bigliettai in legno.
  • Bellissima.
  • Bene, ora che sapete come muovervi a Budapest, è arrivato il momento di mettere qualcosa sotto i denti.

Dove mangiare a Budapest? Un ottimo posto per assaggiare i piatti tipici ungheresi e spendere il giusto è il mercato coperto: al primo piano troverete banchi di street food per tutti i gusti e riuscirete a mangiare spendendo tra 5 e 7 euro a persona, niente male vero? Goulasch nel pane, langos con la salsiccia, wurst di vario tipo, spezzatino non c’è che l’imbarazzo della scelta. Il mercato coperto di Budapest. Foto di Krisztian Tabori su Unsplash E per la cena? Il nostro quartiere preferito era Erzsebetvaros, il quartiere ebraico: un pullulare di ristoranti, locali e pub di ogni tipo che possono mettere d’accordo chiunque. Noi abbiamo cenato al Ristorante Spinoza, un ristorante davvero ottimo (e bellissimo con la sua atmosfera anni Trenta) per assaggiare la cucina ebraica ed ascoltare un concerto klezmer.

Se amate la cucina israeliana, dovete provare il Mazel Tov : questo ruin pub ha un’atmosfera incredibile e il brunch domenicale è davvero ottimo. Un’altro posto imperdibile è la Galleria Gozsdu Udvar : una serie di cortili e passaggi coperti che pullulano di locali e gente. Ogni posto è quello buono, a voi la scelta.

Noi a cena di solito mangiavamo una zuppa e un antipasto o un dolce: costo medio 13/15 euro a testa. In inverno se vi piacciono le zuppe la scelta è vincente (anche per il portafoglio); in ogni caso con 20 euro a testa si mangia tranquillamente un piatto principale. Il Mazel Tov e’ un locale con un’atmosfera unica dove trascorrere una serata o il brunch domenicale. E se avete ancora voglia di dolce, fate due passi fino al The Sweet un micro locale pasticceria che sembra uscito da “Il fantastico mondo di Amelie”. Rimanendo in tema dolci, a Budapest ci sono due famosissime pasticcerie la Gerbaud e il New York Cafè: c’era addirittura la fila in strada per entrare e quindi noi abbiamo scelto un caffè meno affollato. A dir la verita’ la torta Dobos non ci ha convinto fino in fondo, ma il the e’ perfetto per una pausa golosa mentre si gira a Budapest. Ed ora passiamo alle attrazioni imperdibili durante un viaggio a Budapest. Al primo posto ci sono senza dubbio le terme: potrete trovare vari stabilimenti termali, per tutti i gusti e per tutte le tasche. Le Terme Gellert in stile Art Nouveau: un capolavoro per il relax. Noi abbiamo prenotato l’ingresso tramite la reception dell’hotel, un ottimo servizio saltacoda nelle ore di maggior afflusso; ma considerando che le terme aprono alle 6 della mattina e l’orario migliore per godersele è di buon’ora potete anche recarvi direttamente alla biglietteria.

Se cercate un’esperienza più autentica e non siete troppo impressionabili, allora le Terme Kiraly fanno al caso vostro: qui per entrare bastano 2.600 fiorni (9 euro) e vi troverete catapultati in un vero e proprio bagno costruito dagli Ottomani nel Seicento. La fascia intermedia sono le terme Rudas che non erano agibili durante il nostro soggiorno.

La seconda esperienza da non perdere è una crociera serale sul Danubio : tantissime le compagnie che organizzano il giro turistico. Noi abbiamo scelto quello proposto da Silverline che aveva partenze quasi ogni ora vicino al Ponte Elisabetta e che durava 75 minuti. Una vista del Parlamento durante la crociera notturna sul Danubio A Budapest potete trovare diversi musei ed attrazioni da visitare: noi abbiamo scelto la Casa del Terrore, un museo con un allestimento di grande impatto che mette a confronto nazismo e comunismo (costo 3.000 fiorini, 10 euro); il complesso della Grande Sinagoga (costo 4.500 fiorini – 15 euro); la Chiesa di San Mattia sulla collina di Buda (costo 1.800 fiorini l’ingresso e 1.800 fiorini la salita sulla torre – 6 euro + 6 euro); la Basilica di Santo Stefano (200 fiorni l’ingresso e 500 fiorini la salita sul Belvedere – 70 centesimi + 2,50 euro). Il memoriale all’interno della Grande Sinagoga: su ogni foglia di salice e’ inciso il nome di un ebreo morto durante l’Olocausto. Ultima voce di spesa i souvenir : se siete amanti dei ricordi di viaggio, regalo per amici e parenti o vi sono rimasti un po’ di fiorini da finire di spendere, dirigetevi senza indugio al mercato coperto. Il Ponte della Liberta’ e’ il mio preferito tra quelli che attraversano il Danubio congiungendo Buda a Pest. Se questo post ti è stato utile, condividilo sui social o lascia un commento: mi farà molto piacere leggerlo. Potrebbe interessarti anche: Che cosa vedere a Malta in 48 ore Il mio primo viaggio all’estero: la Norvegia con il Lions Rotary Club

You might be interested:  Taglia 40 A Cosa Corrisponde?

Quanto costa una bottiglietta d’acqua a Budapest?

Costo della Vita a Budapest

Ristoranti
Coca/Pepsi (bottiglia da 0,33L) 488,00 Ft
Acqua (bottiglia da 0,33L) 378,06 Ft
Spesa
Latte (normale), (1L) 438,94 Ft

Quanto si spende al ristorante a Budapest?

Quanto costa mangiare a Budapest? – Pur essendo una capitale turistica, Budapest offre prezzi del tutto accessibili per il cibo. Naturalmente, molto dipende dalle scelte individuali. Puoi fare colazione in una pasticceria tipica con servizio bar e spendere meno di 2 € per una fetta di torta.

  • Se assaggi lo street food locale o pranzi in una trattoria economica spenderai intorno ai 2000 fiorini (circa 6 €).
  • I prezzi salgono se scegli un locale di livello superiore.
  • In un ristorante medio, un pranzo per due costa circa 30 €.
  • E in un ristorante di lusso spenderai circa 40-50 € a persona, vino compreso.

Normalmente si lascia una mancia del 10% (che va consegnata insieme al pagamento, e non lasciata sul tavolo). Quel che in assoluto contraddistingue Budapest è la movida, tra i caratteristici Ruin Pub le discoteche e gli affollati bar con la musica dal vivo.

  • il costo della birra a Budapest
  • il costo delle sigarette Budapest

Sicuramente c’è un certo risparmio anche su queste categorie rispetto ai prezzi vigenti in Italia.

  • La birra nazionale è la più economica. Il costo medio per mezzo litro è 0,77 € al supermercato e 1,48 € al ristorante (birra alla spina).
  • Più cara è invece la birra d’importazione: una bottiglia da 33 cl costa circa 1,78 € al ristorante e 1,07 € al supermercato.
  • Per quanto riguarda le sigarette, un pacchetto di Marlboro costa l’equivalente di 4,01 €.

Se soggiornerai a Budapest, dovrai fare la spesa al supermercato. Dunque ecco una panoramica sui prezzi dei principali alimenti.²,³

Cibo Budapest Costo medio
Latte (1 litro) 0,70 €
Pane (1 filone da mezzo kg) 0,69 €
Riso (1 kg) 0,99 €
Acqua (1,5 litro) 0,34 €
Petto di pollo (1 kg) 4,31 €
Girello di manzo (1 kg) 7,50 €
Formaggio locale (1 kg) 5,64 €
Patate (1 kg) 0,83 €
Lattuga (1 cespo) 0,93 €
Vino (1 bottiglia di qualità media) 3,86 €
Banane (1 kg) 1,29 €
Arance (1 kg) 1,16 €

Quanto portarsi per 4 giorni a Budapest?

Sono da poco tornata da un weekend lungo a Budapest e spesso, raccontando la mia esperienza, mi sono sentita chiedere “Quanto costa un viaggio a Budapest? È una meta economica?” Provo a rispondere a queste domande dandovi qualche consiglio su come risparmiare, senza rinunciare alle esperienze da non perdere quando si visita Budapest.

  • Budapest è una città abbastanza economica e secondo me si presta benissimo per una visita di quattro giorni.
  • Le principali voci di spesa della vostra vacanza saranno il volo, l’alloggio, il mangiare e le attrazioni.
  • Partiamo dal volo : Budapest è raggiungibile dai principali aeroporti italiani con alcune compagnie low cost come Ryanar, Wizzair ed Easyjet.

Le tariffe sono davvero competitive, vi basterà solo avere un po’ di pazienza nella fase di ricerca voli e un po’ di flessibilità nelle date e riuscirete ad acquistare il biglietto aereo ad un ottimo prezzo. Noi abbiamo speso 40 euro a testa A/R con priority e 2 bagagli a mano (al momento ancora obbligatori, a meno che non viaggiate con una borsa davvero minuscola) prenotando a novembre per partire a fine gennaio. Una camera dell’Estilo Fashion Hotel. Foto dal sito Mellow Mood Hotel Una volta che conoscete le vostre date, potete iniziare a cercare il vostro alloggio : ognuno ha le sue preferenze (ostello, appartamento, hotel) e la scelta è davvero ampia. Per pochi giorni io preferisco pernottare in un albergo che offra anche la prima colazione e su Booking ho trovato davvero un’ottima offerta presso l’ Estilo Fashion Hotel,

  • Questo hotel si trova a due passi dal mercato coperto e vicino alla fermata del tram e della metro: è quindi in una posizione ideale per chi vuole spostarsi con i mezzi pubblici.
  • Noi abbiamo speso 193 euro per 3 notti (cioè circa 32 euro a testa a notte) con l’opzione cancellazione gratuita.
  • Io cerco sempre strutture con questa opzione per poter cercare offerte migliori in un secondo momento o anche in caso di imprevisti.

Nel nostro caso l’offerta si è rivelata davvero imbattabile, ma a Budapest esistono anche sistemazioni più economiche. Se raggiungete l’aeroporto in auto, potete usare il sito Parkos per comparare i prezzi dei parcheggi ed effettuare la prenotazione del posto. Una volta atterrati a Budapest vi troverete a fare i conti con il fiorino ungherese, la moneta in vigore in Ungheria: un modo semplice per fare le conversioni è tenere a mente questo schemino che non è preciso al 100% ma permette di fare i conti più in fretta 1 euro = 300 fiorini 3,50 euro = 1.000 fiorini 5 euro = 1.500 fiorini 10 euro = 3.000 fiorini Consiglio spassionato: nella maggior parte delle attrazioni turistiche e dei ristoranti vengono accettate le principali carte di credito o il pagamento in Euro.

Vi sconsiglio questa seconda opzione perchè vi verrebbe in ogni caso dato il resto in fiorini con un minimo di arrotondamento. Personalmente credo che valga comunque la pena cambiare ed avere un po’ di moneta locale per quei luoghi dove non è possibile pagare con carta di credito, come ad esempio alcuni stand del mercato coperto, nei ruin pub o se trovate bancarelle con cino di strada.

Non fate il mio errore prelevando contanti da un bancomat con carta di credito! Portate un po’ di Euro dall’Italia e cambiateli in uno dei tanti uffici di cambio presenti in centro città. Il valore di cambio che vi verrà applicato, incluse le commissioni, è nettamente più conveniente da quello offerto dagli sportelli automatici delle banche. Tornando a noi, una volta atterrati a Budapest, dovrete iniziare ad orizzontarvi con i mezzi pubblici locali. Se viaggiate in inverno o non amate troppo camminare, vi consiglio di acquistare un abbonamento per i mezzi da 48 o 72 ore (quest’ultimo costa 4.150 fiorini, circa 13 euro): noi lo abbiamo utilizzato moltissimo.

  1. In questo biglietto non è inclusa il bus navetta 100E che arriva direttamente in centro (costa 900 fiorini a tratta, cioè 3 euro).
  2. Noi abbiamo preferito l’abbonamento ai mezzi alla Budapest Card perchè non avevamo le idee chiare su cosa avremmo visitato e le attrazioni proposte non mi sembravano così imperdibili o convenienti.

Il modo migliore per muoversi a Budapest è il tram: alcune linee seguono le due rive del Danubio, mentre altre linee attraversano la città superando i vari ponti. Una volta che avete capito come orientarvi ed avete identificato un paio di punti di riferimento sarà facile muoversi.

  1. In ogni caso per raggiungere Piazza degli Eroi ed il Parco Varoslieget dovrete prendere la metropolitana M1, la linea più antica di Budapest, con i muri coperti di maioliche e gli uffici dei bigliettai in legno.
  2. Bellissima.
  3. Bene, ora che sapete come muovervi a Budapest, è arrivato il momento di mettere qualcosa sotto i denti.

Dove mangiare a Budapest? Un ottimo posto per assaggiare i piatti tipici ungheresi e spendere il giusto è il mercato coperto: al primo piano troverete banchi di street food per tutti i gusti e riuscirete a mangiare spendendo tra 5 e 7 euro a persona, niente male vero? Goulasch nel pane, langos con la salsiccia, wurst di vario tipo, spezzatino non c’è che l’imbarazzo della scelta. Il mercato coperto di Budapest. Foto di Krisztian Tabori su Unsplash E per la cena? Il nostro quartiere preferito era Erzsebetvaros, il quartiere ebraico: un pullulare di ristoranti, locali e pub di ogni tipo che possono mettere d’accordo chiunque. Noi abbiamo cenato al Ristorante Spinoza, un ristorante davvero ottimo (e bellissimo con la sua atmosfera anni Trenta) per assaggiare la cucina ebraica ed ascoltare un concerto klezmer.

  1. Se amate la cucina israeliana, dovete provare il Mazel Tov : questo ruin pub ha un’atmosfera incredibile e il brunch domenicale è davvero ottimo.
  2. Un’altro posto imperdibile è la Galleria Gozsdu Udvar : una serie di cortili e passaggi coperti che pullulano di locali e gente.
  3. Ogni posto è quello buono, a voi la scelta.

Noi a cena di solito mangiavamo una zuppa e un antipasto o un dolce: costo medio 13/15 euro a testa. In inverno se vi piacciono le zuppe la scelta è vincente (anche per il portafoglio); in ogni caso con 20 euro a testa si mangia tranquillamente un piatto principale. Il Mazel Tov e’ un locale con un’atmosfera unica dove trascorrere una serata o il brunch domenicale. E se avete ancora voglia di dolce, fate due passi fino al The Sweet un micro locale pasticceria che sembra uscito da “Il fantastico mondo di Amelie”. Rimanendo in tema dolci, a Budapest ci sono due famosissime pasticcerie la Gerbaud e il New York Cafè: c’era addirittura la fila in strada per entrare e quindi noi abbiamo scelto un caffè meno affollato. A dir la verita’ la torta Dobos non ci ha convinto fino in fondo, ma il the e’ perfetto per una pausa golosa mentre si gira a Budapest. Ed ora passiamo alle attrazioni imperdibili durante un viaggio a Budapest. Al primo posto ci sono senza dubbio le terme: potrete trovare vari stabilimenti termali, per tutti i gusti e per tutte le tasche. Le Terme Gellert in stile Art Nouveau: un capolavoro per il relax. Noi abbiamo prenotato l’ingresso tramite la reception dell’hotel, un ottimo servizio saltacoda nelle ore di maggior afflusso; ma considerando che le terme aprono alle 6 della mattina e l’orario migliore per godersele è di buon’ora potete anche recarvi direttamente alla biglietteria.

Se cercate un’esperienza più autentica e non siete troppo impressionabili, allora le Terme Kiraly fanno al caso vostro: qui per entrare bastano 2.600 fiorni (9 euro) e vi troverete catapultati in un vero e proprio bagno costruito dagli Ottomani nel Seicento. La fascia intermedia sono le terme Rudas che non erano agibili durante il nostro soggiorno.

La seconda esperienza da non perdere è una crociera serale sul Danubio : tantissime le compagnie che organizzano il giro turistico. Noi abbiamo scelto quello proposto da Silverline che aveva partenze quasi ogni ora vicino al Ponte Elisabetta e che durava 75 minuti. Una vista del Parlamento durante la crociera notturna sul Danubio A Budapest potete trovare diversi musei ed attrazioni da visitare: noi abbiamo scelto la Casa del Terrore, un museo con un allestimento di grande impatto che mette a confronto nazismo e comunismo (costo 3.000 fiorini, 10 euro); il complesso della Grande Sinagoga (costo 4.500 fiorini – 15 euro); la Chiesa di San Mattia sulla collina di Buda (costo 1.800 fiorini l’ingresso e 1.800 fiorini la salita sulla torre – 6 euro + 6 euro); la Basilica di Santo Stefano (200 fiorni l’ingresso e 500 fiorini la salita sul Belvedere – 70 centesimi + 2,50 euro). Il memoriale all’interno della Grande Sinagoga: su ogni foglia di salice e’ inciso il nome di un ebreo morto durante l’Olocausto. Ultima voce di spesa i souvenir : se siete amanti dei ricordi di viaggio, regalo per amici e parenti o vi sono rimasti un po’ di fiorini da finire di spendere, dirigetevi senza indugio al mercato coperto. Il Ponte della Liberta’ e’ il mio preferito tra quelli che attraversano il Danubio congiungendo Buda a Pest. Se questo post ti è stato utile, condividilo sui social o lascia un commento: mi farà molto piacere leggerlo. Potrebbe interessarti anche: Che cosa vedere a Malta in 48 ore Il mio primo viaggio all’estero: la Norvegia con il Lions Rotary Club

Quanto costa una notte a Budapest?

Quanto costa un hotel a Budapest? – Il costo di un hotel a Budapest dipende da diversi fattori tra cui il numero di stelle, la posizione e la richiesta. In generale, il costo di un hotel è di circa 165 € a notte.

Quanto costa una colazione a Budapest?

Fare una colazione popolare da Cserpes Tejivo – Oltre le lussuose pasticcerie del centro, vicino alla metro Deàk Ferenc Tèr si trova Cserpes Tejivo. Qui, prima di tutti sono i cittadini vengono a fare colazione. Cosa Vedere A Budapest In 3 Giorni Con circa un 1,5 euro potrete prendere un ottimo cappuccino, una deliziosa brioches accompagnata da confettura a vostro piacere e burro. Aggiungendo qualcosa come 50 cent potrete gustare i buonissimi yogurt artigianali. Infatti questo bar ricorda le vecchie latterie che gli operai dell’epoca comunista frequentavano prima di entrare a lavoro. Scopri le altre COLAZIONI IN VIAGGIO

Adblock
detector